Aperto il bando del Fondo integrativo per i Comuni montani con contributi per le attività commerciali carenti, domande entro il 4 settembre

E’ stato pubblicato il bando per l’assegnazione dei contributi del Fondo integrativo per i Comuni montani. Si tratta di circa 19 milioni di euro complessivi per le annualità dal 2014 al 2017 e la regione Emilia-Romagna avrà a disposizione circa 1 milione.

I Comuni hanno tempo per presentare le domande alla Regione fino al prossimo 4 settembre.
Il Fondo, istituito dalla Legge n. 228/2012 (articolo 1, comma 319 e seguenti), riguarda i soli Comuni totalmente montani indicati nell’allegato 1 del bando, i cui progetti devono riguardare la promozione in loco delle attività commerciali classificate con codici Ateco 471 (commercio al dettaglio in esercizi non specializzati) e 472 (commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati) che risultino carenti o assenti. Possono infatti presentare domanda quei Comuni sul cui territorio non si riscontrino più di 10 esercizi commerciali (ad esclusione di bar e ristoranti), quindi un 60 per cento dei circa cento Comuni interamente montani dell’Emilia-Romagna. I singoli enti possono presentare solo progetti a valenza individuale (con un tetto di finanziamento massimo di 25.000 euro), mentre per i progetti a valenza pluriennale (che possono arrivare fino a 100.000 euro di finanziamento) occorre mettere insieme almeno 3 enti.
Alla valutazione delle domande provvederà la Regione, applicando la griglia di valutazione ed i punteggi già previsti nel bando.
Tempi stretti per le rendicontazioni: due anni per i Comuni singoli, quattro anni per quelli aggregati a decorrere dalla data di erogazione.