Ricezione del segnale RAI nella valle del Savio: l’Unione a Roma per sollecitare una soluzione

“La RAI deve garantire un servizio uguale ed efficiente per tutti i cittadini e in tutti i territori, senza distinzioni”.

Questa è la richiesta che l’Unione dei Comuni della Valle del Savio, rappresentata dal sindaco di Bagno di Romagna e vice presidente Marco Baccini e dal sindaco di Mercato Saraceno Monica Rossi, ha sottoposto lo scorso 3 agosto al Ministero dello Sviluppo Economico e al responsabile RAI alle Relazioni istituzionali, Gianluca De Matteis.
Insieme ad altri rappresentanti locali in Parlamento, i due sindaci hanno evidenziato la portata del problema della ricezione del segnale RAI sui territori dell’Unione, una questione ben nota a Ministero e RAI, ma mai risolta e oggetto di continue interrogazioni, come quella presentata alla Commissione di vigilanza RAI dalla senatrice Mara Valdinosi il 27 luglio scorso, proprio sotto la spinta delle segnalazioni di presidente e vice presidente dell’Unione.
Con la senatrice Valdinosi, Baccini e Rossi hanno dunque incontrato De Matteis, ribadendo la necessità di un intervento per far cessare la situazione di disagio in cui si trovano i cittadini dell’Unione e che non “saranno considerate accettabili risposte simili a quelle che i vertici RAI hanno comunicato alla presidente dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, in cui indicavano quali soluzioni per l’Appennino l’implementazione delle infrastrutture di ricezione dei segnali a carico dei Comuni e dei cittadini”.
La trasferta romana si è conclusa con l’impegno del sottosegretario alle Telecomunicazioni Antonello Giacomelli ad effettuare una dettagliata verifica sulle possibilità tecniche di un intervento di potenziamento del segnale nella valle del Savio.